0434 72518 info@ailpordenone.com

Il volontariato di Silvia a sostegno dell’A.I.L. e del progetto A.D.P.

Ciao a tutti,
mi chiamo Silvia, sono un’insegnante di stretching dinamico.
Forse vi chiederete, che cos’è lo stretching dinamico? Beh… semplificando direi
che è un’attività motoria che aiuta ad allungare e a rilassare i muscoli e le
articolazioni del corpo, dando una sensazione di vigore e benessere generale.
Cosa centra la mia attività con quello che sto per raccontarvi? Lo capirete presto.
Qualche anno fa, nel mio cammino di vita, ho incontrato Camilla, la figlia dei miei
amici Fabio e Federica.
E qui vi chiederete, chi è Camilla? Camilla è un piccolo angioletto che ha
catturato il mio cuore e ha dato un forte scossone alla mia vita… Camilla ha avuto
una vita difficile ma è stata, fina dalla sua nascita, immersa nell’Amore, quello
con la A maiuscola…
Camilla non poteva muoversi da casa e aveva bisogno di tante cure e attenzioni,
era seguita dal reparto di assistenza domiciliare pediatrica di Pordenone (ADP).
Grazie ai suoni genitori, ho scoperto che l’ADP segue tanti altri bambini della
provincia prestando le cure necessarie direttamente a domicilio.
Ho scoperto anche che l’ADP offre un sostegno ai genitori con delle infermiere
specializzate che, sempre a casa, donano un momento di respiro ai genitori
stessi i quali, spesso, non hanno le forze necessarie per affrontare i momenti
difficili…
Ma chi sostiene tutto questo? Lo fa l’A.I.L. con tutti i suoi volontari e lo fanno le
persone con le loro donazioni!
Scoperto tutto questo mi sono chiesta: cosa posso fare io per aiutare l’A.I.L. per
contribuire al sostegno l’ADP? Semplicissimo: offro delle sessioni gratuite di
stretching dinamico!
Si, il mio progetto consiste nel fare lezioni aperte a tutti, con offerta libera e non
obbligatoria.
I soldi che raccolgo li dono all’A.I.L. e, a modo mio, insieme a tutti i miei amici,
aiutiamo i bambini meno fortunati ad affrontare la vita con un po’ di serenità in
più!
Vi lascio qualche fotografia delle lezioni che teniamo all’aperto.
Vi ringrazio di aver letto queste parole.
Silvia

Leave a Reply