0434 72518 info@ailpordenone.com

Relazione nuovo dietista

OGGETTO: relazione consulenza nutrizionale presso il servizio di oncologia pediatrica   – Azienda Ospedaliera S. Maria degli Angeli – Pordenone

 

Premessa

I soggetti assistiti rappresentano una fascia di popolazione ad altissimo rischio di malnutrizione a causa di problematiche di malassorbimento, metaboliche, ormonali, di carenza enzimatica o della meccanica deglutitoria; queste possono essere indotte dalla patologia stessa oppure dalla limitata capacità di assunzione o assimilazione del cibo spesso di origine iatrogena (nausea/vomito e lesioni alle mucose indotte da trattamenti farmacologici es. tossicità sistemica e gastrointestinale indotta dai trattamenti radio-chemioterapici). Molto spesso questi bambini hanno bisogno di aumentati introiti di macro e micronutrienti o di una riduzione dell’introito calorico pur assicurando una giusta quota di microelementi (es. in quei soggetti ipocinetici che hanno un ridotto dispendio energetico e tendono ad aumentare facilmente di peso).

Il mantenimento del corretto peso corporeo, la corretta assunzione di macro e micronutrienti è essenziale per garantire la salute della persona e per migliorare la prognosi della malattia.

 

Supporto nutrizionale

Per ogni paziente preso in carico si è valutato:

  • l’introito alimentare tramite diario alimentare o recall-24 h oppure di report nutrizionali in atto per pazienti in Nutrizione Enterale;
  • Parametri antropometrici (peso, cc cranio se<36mesi , lunghezza/altezza) collocandoli sulle relative curve di crescita;
  • valori ematologici di rilevanza nutrizionale (glicemia, profilo lipidico albumina e profilo proteico, calcio, fosfato inorganico, TSH, ferro, ferritina e sideremia, vitamina D, fosfatasi alcalina, ecc) per programmare, o valutare se già in atto, l’integrazione vitaminica e di minerali di supporto alla corretta crescita.

In base ai dati sopracitati e al confronto con il medico, è stato predisposto un trattamento dietetico personalizzato con la finalità di:

  • Garantire una corretta crescita staturo-ponderale;
  • Garantire una corretta introduzione di macro e micronutrienti (proteine, grassi, carboidrati, vitamine, sali minerali) anche in seguito alla valutazione dei rispettivi esami ematologici;
  • Dare un supporto, un punto di riferimento ai genitori in caso di problemi/dubbi gestionali inerenti alla nutrizione del figlio

 

La presa in carico di un paziente prevede il monitoraggio con scadenza settimanale, bisettimanale o mensile dei parametri sopracitati, la predisposizione di uno specifico piano di intervento e monitoraggio e il mantenimento dei contatti con la famiglia del bambino tramite visite ospedaliere, visite domiciliari, contatti telefonici o mail.

Dietista

Dott. Alberto Benato

Leave a Reply